sete di conoscenza

il Blog di Chiarella

Memoria dell'Acqua: di cosa si tratta? Detox: 5 consigli per depurarsi con il tuo alleato azzurro

In Mostra nella Villa Monastero di Varenna, il lago di Como nelle immagini di Johann Jakob Meyer

La primavera lecchese è pronta a varcare di nuovo i confini regionali. Porta infatti un nuovo imperdibile appuntamento per gli appassionati di arte e fotografia o per chi vuole semplicemente rifarsi gli occhi gustando la poesia dei paesaggi dipinti dinanzi a quelli naturali. Se poi c’è anche un bicchiere della rinomata Acqua Chiarella per placare la sete di meraviglia, la felicità si può tenere in mano.

Riflettori accesi dunque sulla splendida cornice di Villa Monastero a Varenna, dove presso lo spazio espositivo si terrà da sabato 15 aprile a domenica 21 maggio 2017 la mostra dal titolo “Il lago di Como e la Valtellina nelle immagini di Johann Jakob Mayer (1787-1858), con fotografie del fotografo Dominique Laugè”.
Per i ritardatari, resta ancora qualche settimana di tempo per ammirare i capolavori del grande paesaggista svizzero e noto esponente del Mahlerische Reise, il cosiddetto Viaggio pittorico. Questo genere artistico e documentario consentì alla civiltà del Grand Tour di svilupparsi in tutta Europa a cavallo del diciannovesimo secolo. Le opere fanno parte della Collezione Credito Valtellinese di Sondrio e saranno accompagnate dai lavori del grande fotografo francese Dominique Laugé.

Johann Jakob Mayer è considerato tra i principali paesaggisti svizzeri del Primo Ottocento e tra i più conosciuti esponenti del Viaggio pittorico (Mahlerische Reise), che accompagnò lo sviluppo del Grand Tour in Europa.
Nacque nel 1787 a Meilen, un piccolo paese affacciato sul Lago di Zurigo, dove morì nel 1858. Studiò dapprima come allievo del grande pittore romantico Heinrich Füssli a Zurigo, in seguito di Gabriel Lory a Neuchȃtel. Qui iniziò a lavorare come disegnatore di stampe per una casa editrice, affermandosi presto grazie alle sue vedute paesaggistiche di straordinaria fattura ed alla grande sensibilità romantica. Nell’estate del 1823, dopo 2 mesi di viaggio nei Grigioni, realizzò i 32 disegni a stampa per l’album “La strada montana dal Cantone dei Grigioni ai laghi Maggiore e di Como”, che autopubblicò nel 1826. Il successivo, costituito da 36 acqueforti, vide la luce nel 1831 e fu ispirato dal “Viaggio pittoresco sulla nuova strada dal Tirolo attraverso lo Stelvio lungo la Valtellina e il lago di Como fino a Milano” compiuto nel 1829.
Meyer fu molto apprezzato in tutta Europa anche come autore di acquerelli. Alcuni furono acquistati direttamente da Federico Guglielmo III di Prussia nel 1839; altri gli furono commissionati dalla famiglia dello zar russo Nicola, che conobbe tra il 1842 e il 1845 durante un altro lungo viaggio.

Dominique Laugé è tra i più importanti fotografi francesi contemporanei. Laureato in Lettere all’Università di Bordeaux, ha esposto nelle sedi più prestigiose di tutto il mondo ed oggi si dedica a tempo pieno alla fotografia.
Nato nel 1958 a La Rochelle, dal 1985 esercita la sua attività professionale, prima a Genova e poi a Milano dove risiede tuttora.
Tra il 1982 ed il 1984 si è specializzato al Brooks Institute of Photography di Santa Barbara, in California. Durante il soggiorno americano è stato allievo di Bob Werling e Ansel Adams.
Nel tempo ha collaborato con le principali agenzie pubblicitarie e riviste italiane e francesi ottenendo un successo crescente.
Già nella prima parte della sua lunga carriera trentennale ha conquistato diversi ambiti riconoscimenti internazionali, tra i quali sono degni di menzione: “Epica Prize” (1990), “Art Directors Club Italian Prize” (1991-1993), “Kodak European Gold Award for Portrait Photography” (1995-1996), “Prix Mediastar” (2005).
I suoi lavori si sono inizialmente focalizzati sul tema del ritratto, concentrandosi in seguito su quello della natura. Tra i soggetti più ammirati e rappresentati nelle sue fotografie figurano il cielo, il mare e gli animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *