sete di conoscenza

il Blog di Chiarella

Risparmio Idrico e Smartphone: benvenuti nel futuro! Qual è il Valore Economico dell'Acqua?

All’ultima festa hai alzato un po’ troppo il gomito? È ora di Detox a base di…Acqua

L’alcool si sa, mette a dura prova la resistenza dell’organismo. Il suo metabolismo, infatti, richiede una quantità nettamente maggiore d’acqua rispetto al normale, e in più, incrementa la sudorazione e la dissipazione dei liquidi attraverso l’urina, provocando il blocco temporaneo dell’ormone anti-diuretico. Ecco spiegato perché, durante i periodi festivi o comunque caratterizzati da un tasso alcolico più alto del normale, diventa ancora più importante idratarsi in maniera corretta, preferendo l’acqua alle altre bevande. Soltanto l’acqua riesce a ristabilire adeguatamente le riserve minerali e l’idratazione dei tessuti, perché totalmente priva di zuccheri o altri eccipienti che possono limitare l’assorbimento dei liquidi da parte dell’organismo. Il consiglio giunge direttamente dalle parole del professor Nicola Sorrentino, docente di scienza della nutrizione presso l’Università di Pavia, esperto dell’Osservatorio Sanpellegrino e direttore scientifico delle “Terme Sensoriali” di Chianciano Terme.

L’alcool è uno degli elementi maggiormente legati agli episodi di disidratazione e i numerosi brindisi che caratterizzano il periodo natalizio possono causare alcuni disturbi tipici, tra cui acidità di stomacoalito cattivo e, appunto, condizioni di forte disidratazione. Un prezioso accorgimento, in grado di aiutare gli organi a smaltire più rapidamente l’alcool, afferma il prof. Sorrentino, è quello di bere tanta acqua, in modo da espellere prima l’etanolo attraverso le urine e, contemporaneamente, ripristinare i liquidi perduti. Anche l’alimentazione è molto importante a tal proposito, poiché anch’essa consente di eliminare le tossine e le scorie accumulate in seguito ad un massiccio consumo di alcool e cibi spazzatura. Per rigenerare l’organismo, afferma l’esperto, è molto importante nutrirsi in maniera sana ed equilibrata, evitando tutto ciò che rischia di rallentare la digestione ed appesantire: solo in questo modo sarà possibile consentire ad organi quali reni, stomaco e fegato di eliminare le scorie accumulate.

Sarà il caso di evitare alimenti troppo ricchi di grassi di origine animale (burro, panna, lardo, salumi, creme di pasticceria, etc..), fritture e pietanze complesse. Allo stesso modo, si consiglia di mettere da parte per un paio di settimane anche la carne rossa, i formaggi e il pesce troppo grasso, preferendo alimenti a base di proteine vegetali (fave, ceci, lenticchie, fagioli, piselli). Sarà opportuno inserire nella propria dieta anche 4/5 porzioni di frutta e verdura al giorno, allo scopo di ripristinare acqua, sali minerali e vitamine, elementi che godono di un elevato potere disintossicante e garantiscono un buon apporto di fibre alimentari. Queste ultime sono in grado di ripulire l’intestino, svolgendo una fondamentale funzione di regolazione della digestione. Quanto detto, ovviamente, dovrà essere affiancato dal giusto quantitativo d’acqua, ideale per ripristinare i naturali equilibri di cui il nostro organismo non può fare a meno. Pertanto, cerchiamo di inaugurare il 2018 all’insegna della moderazione: un sorso di spumante ed un buon bicchiere di Acqua Chiarella costituiscono il connubio ideale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *