sete di conoscenza

il Blog di Chiarella

Operazione Acqua Pura: cosa sono le PFAS e come combatterle?

Mai sentito parlare di Pfas? Le Pfas sono inquinanti che si concentrano nell’acqua e che rischiano seriamente di mettere a repentaglio la salute di milioni di cittadini. Fino ad oggi, per fortuna, non tutti hanno avuto a che fare con queste forme di inquinamento, ma gli abitanti di alcune province del nord-est, quali Verona, Vicenza e Padova, sanno bene di cosa si tratta. Qui, infatti, alcune falde acquifere risultano gravemente contaminate e chi era solito bere l’acqua del rubinetto ha dovuto rapidamente cambiare le proprie abitudini. Ma il problema dell’acqua contaminata non coinvolge soltanto coloro che erano soliti berla, ma tutti i cittadini che la usano per scopi alimentari. Di recente, per ovviare al problema è stato commercializzato uno speciale kit in grado di rimuovere le pericolose Pfas dall’acqua, che minacciano la salute dei cittadini da oltre 40 anni, ma di cui nessuno conosceva l’esistenza prima del 2013. Si, perché soltanto nel 2013 il Ministero dell’Ambiente ha fatto luce su quest’annoso problema che coinvolge le falde acquifere di molte regioni italiane.

Sono arci noti i danni che concentrazioni elevate di Pfas possono provocare alla salute di chi le ingerisce. Recenti studi evidenziano persino possibili legami delle Pfas con l’insorgenza di malattie gravi quali tumori ai testicoli e al rene, diabete, gestosi e patologie a carico della tiroide. I media hanno sollevato la questione allo scopo di aumentare il livello di guardia dei cittadini che potrebbero risentire del consumo di acque contaminate, ma chi ha la sfortuna di risiedere in una delle aree colpite non sa cosa potrebbe accadere alla propria salute e a quella dei propri cari. In situazioni come questa il rischio è quello di porgere il fianco ad eventuali truffatori e malintenzionati, pronti a proporre false soluzioni in cambio di denaro. Per far fronte all’emergenza, invece, è opportuno affidarsi soltanto ai consigli degli enti preposti e a quelli delle aziende più serie ed affidabili. Le soluzioni esistono ma devono provenire da chi fa ricerca da decenni e può vantare grande esperienza in materia.

La soluzione contro le elevate concentrazioni di Pfas esiste ed è stata brevettata di recente da un’azienda veneta che ha realizzato uno speciale kit in grado di ripulire l’acqua del rubinetto. Profine, questo il nome dell’azienda, ha creato due speciali filtri che lavorano insieme e che hanno il compito di rimuovere composti chimici pericolosi e con essi i sapori e gli odori sgradevoli che possono insorgere. L’acqua che viene filtrata dal kit fornito da Profine può essere tranquillamente bevuta ed utilizzata per lavare gli alimenti. Da oggi non serve più rinunciare all’acqua corrente, poiché scegliendo i prodotti giusti commercializzati dalle aziende più serie, è realmente possibile salvaguardare la propria salute e quella dei propri cari dai rischi portati da queste anomale concentrazioni di inquinanti. Anche Acqua Chiarella consiglia di evitare inutili allarmismi e di non affidarsi alle soluzioni ingannevoli di chi intende soltanto lucrare da una così spiacevole situazione. L’acqua è un bene preziosissimo e va rispettata, esattamente come va rispettata la libertà dei cittadini di usufruirne liberamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *