sete di conoscenza

il Blog di Chiarella

Acque Detox contro il caldo: le migliori 5 ricette

Le acque detox sono una moda nata negli USA, dove ormai spopolano, e giunta fino a noi in Europa. In poche parole si tratta di acqua aromatizzata con frutta e verdura, nulla di speciale detto così, ma in realtà si tratta di veri toccasana per la nostra bellezza e la nostra salute. Per prepararle poi, bisogna prestare attenzione ad alcuni accorgimenti per ottenere il risultato desiderato e si deve infine scegliere accuratamente la frutta e la verdura da utilizzare poiché sono queste a conferire l’effetto benefico alle acque detox. Un altro vantaggio di queste bevande è il gusto piacevole, che permette di idratarsi d’estate anche a chi non piace la monotonia dell’acqua, in genere bambini e anziani. Un ottimo rimedio contro la disidratazione estiva per tutte quelle persone che sottovalutano l’acqua e lo stimolo della sete.

Tra le 5 acque detox più preparate troviamo sicuramente quella a base di limone e menta piperita, rivitalizzante e disintossicante, offre l’effetto rinfrescante della menta e la vitamina C del limone, uniti in un gusto estivo, leggero e dissetante. Per le donne afflitte da cellulite e metabolismo lento troviamo il preparato a base di pompelmo e cetriolo: il primo attiva le attività delle cellule come pochi altri alimenti, il secondo è la verdura drenante per eccellenza, da sempre al centro delle creme di bellezza che vogliono scacciare il caldo pensando alla linea. Mirtilli e lavanda invece sono un ottimo antistress, da bere prima di andare a letto o prima di avere una crisi di panico, rilassanti più della camomilla, aiutano ad addormentarsi con il caldo. Un altro mix interessante è quello di finocchio, lime, zenzero e basilico, adatto ad appiattire la pancia gonfia e dare il suo contributo contro i problemi di digestione che possono insorgere dopo un pranzo estivo. Lime e basilico poi rinfrescano e rivitalizzano tutto l’organismo, sia da bere al mattino che in un’afosa serata in giardino. Ecco infine l’acqua per chi pensa all’estetica e alle impurità della pelle: lamponi, kiwi e pesche per scacciare ogni residuo di tossina dal corpo e ringiovanire un po’ la cute, oltre che a dare una botta di fresco al corpo.

Per preparare le acque detox non serve dire che la frutta deve essere fresca, meglio se raccolta in giornata. Una volta immersa nell’acqua non resta altro da fare che mettere tutto in frigo per almeno 6 ore, in genere tutta una notte, per permettere alle sostanze di uscire tramite il processo di infusione. Altro elemento da scegliere con cura è l’acqua, deve essere minerale naturale come ad esempio Acqua Chiarella, non semplicemente potabile. L’acqua potabile è resa tale in seguito a trattamenti mentre quella minerale sgorga al punto di raccolta già con caratteristiche che la rendono tale. Attenzione anche ai minerali contenuti, conviene assumerne in quantità se non si soffre di disturbi ai reni o calcoli. L’acqua detox massimizza il suo effetto se consumata nell’arco di un’intera giornata, berne un litro e mezzo durante tutto l’arco del giorno è l’ideale per trarne il massimo beneficio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *