sete di conoscenza

il Blog di Chiarella

Quanti bicchieri di acqua devo bere per accelerare il mio metabolismo?

Ormai l’estate è dietro l’angolo e le vacanze chiamano. I “ritardatari” che puntano a rimettersi in forma in così poco tempo, per superare a pieni voti la prova costume, sanno che la sfida è molto impegnativa. Chiudersi in palestra a fare esercizi, per poi abbandonarla nel giro di breve tempo, serve a poco; a nulla invece valgono i digiuni prolungati e le diete drastiche, che nel tempo hanno come unico risultato quello di danneggiare il metabolismo. Vale a dire che, una volta terminate, si riprenderanno tutti i chili persi e qualcuno in più. I nutrizionisti non si stancano mai di ripetere che per mantenere la linea, e prima ancora la salute, è necessario condurre uno stile di vita sano, praticare regolarmente attività fisica moderata, mangiare in maniera corretta e bere molta acqua. Questa salutare bevanda cristallina è fondamentale per mantenere la piena funzionalità dell’organismo. Può fare molto anche per aiutarci a liberare dei chiletti di troppo e a mantenere una forma invidiabile in maniera duratura. Chi cerca l’eccellenza italiana e la purezza fa bene a scegliere l’Acqua Chiarella come “personal trainer”.

Sono tanti gli studi scientifici che esaltano le proprietà dell’acqua e sostengono che può aiutare a perdere peso. In primo luogo perché stimola il metabolismo, dato che le cellule ben idratate riescono a bruciare più calorie. Inoltre l’acqua aiuta a ridurre il senso di sazietà, e se assunta prima di un pasto, anche a mangiare meno. Altro che pillole e creme miracolose: il segreto della bellezza è racchiuso in una pratica bottiglia. La quantità da assumere varia però da persona a persona e dipende da numerosi fattori, tra cui: sesso, età, peso corporeo, stile di vita e clima. In estate, per esempio è necessario bere di più per recuperare i liquidi ed i minerali andati persi con la maggiore traspirazione e con la sudorazione. In linea generale gli studiosi consigliano di bere almeno 8 bicchieri di acqua al giorno, pari a circa un litro e mezzo; per ottenere i migliori risultati, anche 2-3 litri o più a seconda delle esigenze. Chi beve poco, non solo rischia di avere un metabolismo rallentato e di mangiare più di quanto dovrebbe, ma anche di soffrire di mal di testa e vertigini, tra le principali conseguenze della disidratazione.

Potrà sembrare curioso, ma molte persone non bevono perché sentono di non avene bisogno oppure perché si dimenticano di farlo. È invece consigliabile non aspettare che si manifesti lo stimolo – che tra l’altro si presenta solo quando il corpo è già disidratato – ma abituarsi ad assumere acqua nel corso della giornata in maniera regolare. Se sembra difficile, oggi anche la tecnologia viene in aiuto con numerosi programmi ed applicazioni, creati appositamente con la funzione di ricordare ad una persona che è l’ora di fare il pieno di acqua. Chi si annoia a bere tutti i giorni diversi litri di quella naturale, può apprezzare le tante alternative invitanti dell’acqua infusa, per esempio con frutta o erbe aromatiche, oppure utilizzarla per preparare un the fresco e dissetante. Sono ottimi modi per soddisfare le esigenze dell’organismo e ritrovare la forma sotto il segno del gusto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *