sete di conoscenza

il Blog di Chiarella

Acqua e Benessere: ti bastano 7 regole

Ormai è certificato dalla medicina che il nostro benessere psicofisico passa inevitabilmente dal giusto apporto dell’acqua al nostro organismo. Noi stessi siamo composti dal 65% di acqua; il nostro legame con quest’elemento così fondamentale per la vita quindi è indiscutibilmente forte. Il nostro corpo segnala il bisogno di acqua attraverso la sete, che si manifesta dopo che ci sono state delle perdite di liquidi, come per esempio il sudore oppure l’urina. Occorre però avere la buona abitudine di bere spesso, anche in mancanza di questi segnali. Specialmente i bambini e gli anziani sono chiamati a bere molto. Chi è in là con gli anni deve fare particolare attenzione in quanto il senso di sete diventa sempre meno marcato, quindi deve bere anche quando non ne sente la necessità.

Per capire quanto sia importante l’acqua si tenga conto che si può resistere svariati giorni senza mangiare ma non senza bere. L’acqua praticamente non ha controindicazioni, la si può bere in qualunque momento della giornata, lontano o durante i pasti. L’acqua non contiene calorie e quindi non fa ingrassare, nemmeno se la si beve gasata. Se si beve acqua fredda è importante ricordarsi di bere a piccoli sorsi per evitare eventuali congestioni. Anche per recuperare liquidi e sali dopo un’attività sportiva è sufficiente bere dell’acqua, senza ricorrere per forza ad integratori o altri tipi di bevande. L’acqua quindi è la chiave giusta per restare in salute.

Per fare in modo che acqua e benessere siano sempre due fattori legati ci sono 7 semplici regole che possono essere osservate. Innanzitutto bisogna tenere a mente quella che è la quantità minima di acqua di cui ha bisogno il nostro corpo. Questo fabbisogno si attesta sui due litri al giorno, da bere anche in mancanza di un marcato senso di sete. Altra buona abitudine deve essere quella di bere frequentemente durante la giornata in piccole quantità. Chi è anziano deve prendere come regola d’oro il bere lontano dai pasti anche quando non ha sete. L’equilibrio idrico, indispensabile per l’organismo, va mantenuto bevendo prevalentemente acqua. Il consumo di altre bevande ha come conseguenza l’apporto di altre sostanze, per lo più caloriche. Non bisogna poi commettere l’errore di non bere per evitare la sudorazione o perché si ha paura di ingrassare. Il processo di sudorazione è importante per il nostro corpo perché regola la temperatura corporea mentre ingrassare è pressoché impossibile in quanto l’acqua non contiene calorie. Altra regola importante riguarda l’assunzione di liquidi dopo aver svolto dell’attività fisica. Non serve ricorrere a bevande diverse dall’acqua per integrare ciò che si è perso, l’acqua infatti integra benissimo i sali che si sono persi. Va bene bere qualsiasi tipo di acqua oligominerale, come ad esempio l’acqua Chiarella. Infine attenzione se si è in presenza di condizioni patologiche come febbre o diarrea che provocano sostanziose perdite di acqua. Se ci si ritrova in questo stato è bene porre tempestivo rimedio a queste perdite bevendo in modo abbondante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *