sete di conoscenza

il Blog di Chiarella

Scopri i 7 miti da sfatare sull’Acqua

Sono diffusi soprattutto in rete tanti falsi miti sui danni che provocherebbe il consumo di acqua.
Abbiamo raccolto i sette più diffusi in rete, fornendo una spiegazione scientifica che dimostra la loro infondatezza.

L’acqua frizzante non è dannosa
Bisogna sfatare il mito che l’acqua frizzante sia dannosa. Infatti sia l’acqua frizzante in modo naturale sia quella a cui è stata aggiunta l’anidride carbonica non recano danni alla nostra salute.
L’anidride carbonica in realtà favorisce la conservazione dell’acqua. Eventuali problemi digestivi molto lievi possono insorgere solo con elevate percentuali di gas e solo alle persone che già soffrono di questo tipo di disturbi.

Si può bere acqua durante i pasti
La convinzione che l’acqua si deve bere solo lontano dai pasti è falsa. In realtà assumere una quantità moderata di acqua durante i pasti (due o tre bicchieri) favorisce la digestione, al massimo con quantità più elevate si possono allungare un po’ i tempi digestivi diluendo i succhi gastrici

L’acqua non fa ingrassare
Il mito che l’acqua porti in qualche modo a fare ingrassare è completamente falsa. Infatti l’acqua è naturalmente priva di calorie e non può in nessun modo portare ad aumenti di peso.

L’acqua ricca di minerali non favorisce la cellulite
Un’altra falsa convinzione da sfatare è che le acque ricche di minerali possano favorire il prodursi della cellulite mentre quelle oligominerali in qualche modo permettano di mantenere la linea.
I sali minerali inoltre ci permettono di eliminare quelli che nel nostro organismo sono in eccesso.
Per i bambini si consiglia di alternare i due tipi d’acqua, per evitare che l’acqua oligominerale liberi troppi sali minerali molto utili alla crescita e allo sviluppo dei nostri figli.

Consumare grandi quantità d’acqua non provoca ritenzione idrica
Non è vera l’affermazione che un eccessivo consumo d’acqua comporti il fenomeno della ritenzione idrica. Infatti questo in realtà dipende dal tipo di alimentazione e dalla quantità di sale che assumiamo giornalmente.

Il nostro corpo assorbe il calcio contenuto nell’acqua
È assolutamente infondato il mito che il calcio contenuto nell’acqua non possa essere assorbito. Secondo gli ultimi studi è stato provato che il nostro intestino assorbe molto facilmente il calcio presente nell’acqua, con livelli simili a quelli del calcio contenuto nel latte.

L’acqua ricca di calcio non favorisce la formazione di calcoli renali
Un’altra falsa convinzione è che l’acqua in qualche modo aiuti la formazione dei fastidiosi calcoli renali.
In realtà le ultime ricerche hanno dimostrato l’esatto contrario: chi soffre di calcoli infatti deve bere parecchia acqua durante la giornata e il calcio non solo non ne favorisce la formazione ma crea una barriera protettiva contro i temuti calcoli.

Sfatati questi sette miti molto diffusi in rete possiamo consumare in modo consapevole la giusta quantità d’acqua in modo da favorire il nostro benessere. Il tema della salute e del benessere del nostro organismo è infatti molto caro ai produttori di Acqua Chiarella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *